ministero della giovent&ugave;
Gruppo Cinofilo nelle Scuole PDF Stampa E-mail

Uno dei progetti cardini dell’associazione e molto a cuore a tutti i membri è quello denominato “La sicurezza, il bambino ed il migliore amico dell'uomo” che riguarda i gruppi cinofili all’uscita delle scuole. L’idea è sorta dopo aver constatato che l’utilizzo della droga si sta espandendo sempre più all’interno delle scuole ed a oggi anche i più giovani stanno incominciando a far uso di droghe leggere e pesanti in un’età in cui neppure capiscono il danno che fanno a loro stessi ma anche alla loro famiglia e alla società tutta.

L’idea si è sviluppata da semplici considerazioni ovvero che molto tempo fa, l’uomo prese coscienza che il cane era qualcosa di più che un semplice animale e così incrementò le attività ad esso connesse. Bisogna plaudire tutti coloro che con il loro impegno, la loro capacità e la loro inventiva, sono riusciti a dare al cane una piccola parte di ciò che da millenni gli spetta. I cani sono sempre stati e si pensa sempre saranno al servizio della società, nei campi più vari: cani antidroga; cani adibiti alla ricerca di persone, cani adibiti a mansioni di polizia.

Partendo da quanto appena elencato l’associazione Angeli Della Notte ha formalizzato il tutto illustrando come come certi percorsi, anziché altri, possono portare un cane, emotivo, affettivo e ludico ad aiutare le persone e comprendere se ci sono situazioni anomale o probabilità di allarme. Lo scopo e l’intento è quello di un controllo all’uscita delle scuole elementari e medie, controllo visto come prevenzione e tutela dei minori verso l’utilizzo di sostanze stupefacenti che rappresenta ormai nella società occidentale una triste realtà. Uno degli strumenti più efficaci per contrastare tale attività criminosa è l’utilizzo dei cani addestrati. Per questo, l’associazione ha preso diretti contatti con gruppi cinofili di addestramento militare e non, per meglio comprendere come “il più fedele amico dell’uomo” diventi fondamentale in missioni di tale portata. In realtà, i sistemi educativi non prevedono processi forzati o violenti, ma normali sistemi di comunicazione tra essere umano e singolo cane. Il sistema migliore è basato sulla dolcezza, pur non perdendo di vista la fermezza e le reali esigenze del cane. Meccanismi di apprendimento basati sul gioco, curiosità e gratificazioni. Il progetto si divide in diverse fasi ciascuna delle quali è di fondamentale importanza per la buona riuscita del progetto.

Il primo step del progetto riguarda il reclutamento dell’unità cinofile e contemporaneamente un’analisi delle strutture e dei luoghi dove queste andranno ad operare in modo da poter avere il minimo impatto possibile sugli utenti finali. Ovviamente nella scelta dei cani i più idonei per le loro caratteristiche legate alla scarsa aggressività e facile gestione sono risultate le razze Pastore Belga Malinois, Labrador Retriver e Pastore Tedesco e dovranno essere idonei al contatto con bambini e nel contempo particolarmente efficaci nella ricerca di sostanze narcotiche celate in: edifici, veicoli, materiali di arredo urbano. Oltre alla scelta dei cani si provvederà anche ad una scelta dei conducenti dei cani tenendo conto che questi dovranno soddisfare requisiti quali: aspetto gradevole, serietà e posatezza, autocontrollo, sangue freddo, prontezza di riflessi, equilibri psichici, non influenzabilità, fantasia e immaginazione, discrezione e coraggio, buon livello di intelligenza e cultura. Ogni conducente farà parte delle unità di vigilanza privata e sarà pertanto comunicato alla Prefettura come agente investigativo in quanto l’Associazione ha firmato un protocollo d’intesa con le agenzie stesse. L’unità cinofile così formata intesa come coppia cane-conducente dovrà essere provvista di un apposito un kit operativo per la gestione del cane e della ricerca di stupefacenti.

Dopo il raggiungimento di questa prima milestone previsto in una decina di giorni dalla sottoscrizione del contratto si passerà al secondo step che è rappresentato dall’addestramento propedeutico delle unità scelte. Tale addestramento si snoderà attraverso due attività distinte ma coese che porteranno al raggiungimento della seconda milestone. I soggetti trascorreranno un periodo di 80 giorni in apposite sedi dove verrà impartito loro l’addestramento propedeutico per l’abbinamento delle sostanze stupefacenti;, in particolare: eroina, cocaina, LSD, marijuana. Al termine degli 80 giorni di addestramento propedeutico, sarà svolto un periodo d’affiancamento di 10 giorni tra cane e nuovo conducente, il periodo sarà suddiviso tra lezioni teoriche e esercitazioni pratiche in materie quali l’apprendimento delle tecniche di ricerca, l’obbedienza di base e il controllo, basi teoriche dell'impiego delle unità cinofile negli interventi straordinari di polizia locale e altri argomenti. Alla fine del periodo sopraindicato previsto in novanta giorni, verrà eseguito un esame attitudinale e rilasciato un Certificato Operativo per ogni nuova Unità Cinofila.

La terza fase del progetto prevede la messa in opera delle unità cinofili nelle strutture scolastiche scelte cercando di avere il minor impatto possibile nelle strutture applicate. L’orario in cui tali unità saranno presenti per effettuare il servizio sarà orientativamente diviso in due parti della giornata la mattina con un orario che dovrà coprire le ore scolastiche ovvero dalle 07.30-14.00 e il pomeriggio da definire in base alle esigenze scolastiche di ogni istituto. Le unità si muoveranno sia esternamente che internamente alla struttura scolastica in modo da tenere sotto controllo non solo l’immissione di sostanze stupefacenti in questi luoghi ma anche il loro eventuale consumo all’interno di locali poco controllati.

Il progetto attualmente è in fase di realizzazione per alcune scuole del comune di Roma e al termine di un significativo periodo si provvederà ad un’attenta analisi dei risultati ottenuti, in termini di rapporto costi/benefici, per poter così stillare un rapporto che potrebbe portare all’allargamento del progetto non solo su tutto il comune di Roma, ma anche valutarne una possibile estensione a tutto il territorio regionale o anche su scala nazionale.

 
Sviluppato dal Network:
linformatico - realizzazione siti e portali web - consulenza informatica - assistenza tecnica computer - Dott. Daniele Cianci Viale F.Crispi 113 Teramo